.
Annunci online

  mauroD [ Ma signora, io il cane non ho mica paura che mi inculi, ho paura che mi morda. Arrivederci ]
         














































































































3 gennaio 2013

The gun control

Two days after Sandy Hook, Slate reported on how the Australian government enacted “sweeping gun-control measures” just twelve days after a mass murderer killed 35 tourists in Port Arthur, Tasmania. Then CNN reported on how the UK enacted a gun ban following the school massacre of 15 children in Dunblane, Scotland. If there is a formula for successful gun bans, twenty dead children in Newtown presented a key factor.

The advertised benefit of gun control: fewer guns means less violence. This is false — including in the Australia and UK examples.

Before their bans, both countries had lower violent crime and murder rates than the United States. Ten years later, all U.S. violent crime categories have decreased, yet they have been increasing in the UK and Australia. The biggest tragedy: by 2007, UK women were raped twice as often as American women, who were able to partake of their civil right of self-defense. Australian women were raped three times as often.




permalink | inviato da mauroD il 3/1/2013 alle 12:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



28 dicembre 2012

Un po di fatti sulle armi

L'inghilterra (come l'Australia) ha bandito anni fa il porto d'armi, rendendo complesso l'accesso. Il risultato sono state più sparatorie che hanno fatto aumentare i crimini violenti nel paese. Gli Usa, grazie anche al porto d'armi, restano il paese più sicuro al mondo, anche di più di svezia e finlandia

link




permalink | inviato da mauroD il 28/12/2012 alle 1:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



25 dicembre 2012

I paradossi contro Israele

assad macella i siriani e l'onu ordina ad Israele di mettere nelle mani di assad anche i cittadini del Golan. La maggioranza dei cittadini arabi che vivono a Gerusalemme vogliono rimanere in Israele e l'onu invece vuole dividere un con un muro la città santa per metterli nelle mani di hamas




permalink | inviato da mauroD il 25/12/2012 alle 18:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



24 dicembre 2012

La vergogna di casini

Ora dice che con bersani ci andrà solo se serve, lo vedrà solo dopo il voto. Tutte le promesse delle alleanze prima del voto, delle alleanze sul programma e non per vincere le elezioni, possono tutte andare a farsi fottere




permalink | inviato da mauroD il 24/12/2012 alle 11:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



25 novembre 2012

Il grillo antisemita

il beppe nazionale ospita nel suo "blog" racconti di moni ovadia, un concentrato di sciocchezze.

Alcuni estratti:

Quello che succede agli israeliani è spaventoso, perché i morti civili sono sempre spaventosi, però ai palestinesi succede 10, 100, 1000 volte di più.
Gli israeliani fondamentalmente hanno rifugi, hanno una cupola l'
iron dome, che protegge, i palestinesi non hanno niente, hanno macerie su macerie.

Praticamente quello di avere un sistema di difesa efficiente diventa una colpa


Non c’è una trattativa in corso, non si vuole accedere alla trattativa e c’è un governo in Israele, che secondo me è il peggiore della storia di Israele, che semplicemente non vuole uno Stato palestinese di fianco a Israele. Non lo vuole, e questa secondo me è la ragione principale di tutto il disastro. C’è un uomo della trattativa in Palestina, che si chiama Abu Mazen. Lì le violenze si sono fermate da lungo tempo, lui è uomo di trattativa, ma Netanyhau dice che vuole la trattativa senza condizioni, solo per procrastinare sine die una possibilità di vera trattativa e non c’è trattativa che non preveda lo stabilimento di uno Stato palestinese sulla linea armistiziale del '67, con Gerusalemme est come sua capitale. Se uno non accetta questa condizione di base vuole dire che la trattativa con i palestinesi non la vuole.

Incredibile, i palestinesi sono divisi in due fazioni, entrambe le fazioni rifiutano il dialogo con Israele, entrambe le fazioni non riconoscono Israele ma bensì hanno nel loro statuto la distruzione di Israele, entrambe le fazioni chiedono il ritorno dei "rifugiati" che significa la distruzione di Israele, e la conclusione qual'è? Israele non vuole la pace...


Nel contempo Netanyhau e Liberman sono riusciti a conferire dignità di interlocutore a
Hamas, cioè i missili di Hamas hanno attratto la attenzione. 10 ministri degli esteri di Paesi arabi sono andati a Gaza per dare statuto importante di controparte a Hamas. Si dice che Hamas è terribile e poi allo stesso tempo con le azioni concrete gli si conferisce statuto di interlocutore.

Cioè, Israele per non dare visibilità ad hamas dovrebbe accettare di ricevere i loro missili senza reagire........ Israele si rifiuta da sempre di dialogare con hamas e la conclusione qual'è? Israele conferisce ad hamas il ruolo di interlocutore.....

Gaza è un autentico inferno, perché gli israeliani sì si sono ritirati ai tempi di Sharon, ma hanno sigillato il territorio. L’assedio, fino a prova contraria è un atto di guerra.

Cioè... hamas tiene in ostaggio i palestinesi di gaza e la colpa è di Israele... Il sigillamento del territorio è avvenuto dopo che hamas ha ripreso a lanciare razzi... Poca memoria


Poi non hanno lasciato neanche arrivare le Freedom Flotilla, che sono navi che portavano aiuti.

La freedom flottilla, a parte che era guidata da terroristi che hanno già dimostrato in passato di trasportare anche armi, ha avuto il permesso di portare gli aiuti, con la sola differenza che Israele ha voluto prima controllare il carico




permalink | inviato da mauroD il 25/11/2012 alle 20:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



11 novembre 2012

gad si è ribevuto il cervello

Eccitato come non mai dalla rielezione di obama continua i suoi deliri raccontando che "E’ bello constatare che la ricetta neoliberista non è più considerata un dogma sull’altra sponda dell’oceano e che un leader democratico, legittimato per la seconda volta dal voto popolare, ha oggi il potere di usare la leva fiscale per contrastare la Grande Depressione attraverso la redistribuzione della ricchezza ingiustamente protetta nella sua concentrazione ai vertici della società" dimenticandosi che è da secoli che i democratici si alternano con i repubblicani. Poi definisce i membri del governo Monti "professori bocconiani neoliberisti" quando invece non hanno fatto altro che dare un'impronta statalista al loro governo, alzando le tasse a livelli mai visti prima. Lui purtroppo non sa cos'è il liberismo, bisognerebbe spiegarglielo 




permalink | inviato da mauroD il 11/11/2012 alle 22:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



3 novembre 2012

I rischi della fratturazione idraulica

Ecco alcune assicurazioni

Burning tap water. Yes, you can ignite methane at your kitchen faucet, if your well was drilled through gas-bearing rock formations and was not properly cemented and sealed to keep gas out. (Eternal Flame Falls in New York’s Chestnut Ridge Park is one example of natural methane leakage.) But fracturing zones are thousands of feet below groundwater supplies; production wells use cement and steel casing that extends hundreds of feet below the surface; and sensitive instruments monitor downhole activity, to ensure that valuable gas does not escape into near-surface formations or the atmosphere.

Groundwater contamination. Fracking fluids are 99.5% water and sand. The other 0.5% is chemicals that fight bacterial growth, keep sand particles suspended in the liquid and improve production. The vast majority today are found in household items that Americans use safely every day – including cheese, beer, canned fish, dairy desserts, shampoo and cosmetic products. New fluids like those developed by FamilyJoule and Halliburton represent the new kinds of entirely nontoxic and biodegradable chemicals that almost all drillers are now using.

Steadily improving technologies, techniques and regulations minimize risks even further. For instance, heavy plastic liners are now commonplace under drilling rigs, storage tanks and containment pits. Along with modern drilling and well casing methods, they help make the likelihood of chemical or salt contamination of groundwater a minuscule fraction of what is posed by winter salting of icy roads.

Wastewater and water depletion. In addition to changing the composition of fracking fluids (and making that information readily available online), to address concerns about water use and wastewater disposal, drilling companies increasingly recycle the water they use. Devon and other companies have recycled hundreds of millions of gallons, and some 90% of water produced in the Marcellus shale region of New York, Pennsylvania, Ohio and West Virginia is now reused. Moreover, the amount of water used in fracking is far less than what is required to grow corn and process it into ethanol.

Earthquakes. Fracturing rocks does cause cracking that can be measured with ultra-sensitive equipment. But these micro-seismic events measure around 0.8 on the Richter Scale, about what is caused by a car passing by. Even loaded dump trucks register only a 3 (the minimum that can be felt by humans), and property damage does not begin until level 5. Deep injection of water for geothermal energy development or enhanced oil recovery operations (or to dispose of petroleum, municipal or industrial wastewater) has caused detectable seismic activity; however, of more than 800,000 injection wells nationwide, only about 40 were actually felt at the surface. Rules and practices increasingly address these injection well issues.

Fracking regulation. State and local regulation and cooperation with industry, constant refinements and improvements in rules and practices, and accommodation to public concerns about water, drilling and fracking fluids, road congestion, community impacts and other issues have been ongoing for decades. That is part of the reason that 2.5 million instances of fracking worldwide (over 1 million in the USA) since 1949 have not caused any serious harm. That’s a safety record any industry would envy.

Unfortunately, environmentalist fractured fairy tales cost us energy, jobs, revenue and prosperity – for no ecological benefit. The ultimate irony is Europe, where Big Green opposition to fracking and nuclear power is ushering in a coal-burning renaissance. Germany and other central EU countries will be building 10,600 megawatts of new coal-fired electrical power plants during the next four years!

Meanwhile, green power mandates have already pushed Germany’s electricity prices to the second highest in Europe (32 cents per kWh, compared to an average of 10 cents in the USA) – and the average German household faces another big rate hike over the next year. Countless jobs are also at risk.

link




permalink | inviato da mauroD il 3/11/2012 alle 13:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



28 ottobre 2012

La "flexibility" di obama. Pagliaccetto

Cerca di giustificarsi e fa peggio. Dice che si riferiva alle armi nucleari (peggio ancora) e che intendeva che certe cose non le può fare prima delle elezioni perchè  impegnato (ma è scemo?)

link




permalink | inviato da mauroD il 28/10/2012 alle 11:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



7 ottobre 2012

Le macchine elettriche inquinano, ahh

In sostanza produrre macchine elettriche inquina il doppio che produrre macchine standard, senza considerare che spesso l'elettricità con cui si alimentano le macchine elettriche proviene da combustibili fossili.

link




permalink | inviato da mauroD il 7/10/2012 alle 17:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



30 settembre 2012

inutile, gad lerner è un veggente, anche sulla Catalogna

Il 29 settembre titolava sul suo blog "il secessionismo è finito", meno di un mese dopo titola "il sesessionismo al centro dell'europa"




permalink | inviato da mauroD il 30/9/2012 alle 14:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre       
 


Ultime cose
Il mio profilo



tocque-ville
aei
jcpa
gatestoneistitute
daw
Camillo
Asianews
loccidentale
mangoditreviso
Maurizio Molinari
csis
politico
carolineglick
foreignpolicy
hotair
realclearworld
Daniel Pipes
pajamasmedia
rightsidenews
frontpagemag
americanthinker
newsmax
commentary
america24
FREEDOM TRIP 2008


Blog letto 330177 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom